La storia del mouse

Il primo mouse fu inventato da Douglas Engelbart nel 1963. Costruì una periferica di input a rotelle.

Si trattava di un prototipo sperimentale realizzato in modo artigianale.

Quali sono le prime applicazioni del mouse

Negli anni '60 l'inventore statunitense Douglas Engelbart concepì per primo l'idea del mouse.

Guardando questa vecchia dimostrazione dell'epoca puoi subito notare la somiglianza tra il prototipo di Engelbart e i mouse moderni.

La sua idea idea riscosse l'interesse dei produttori di computer.

Negli anni '70 il mouse venne impiegato sui grandi mainframe e sui minicomputer IBM.

Tuttavia, era ancora di una periferica usata dagli addetti ai lavori e sconosciuta al pubblico.

Nota. A quell'epoca la maggioranza delle persone ignorava persino l'esistenza dei computer ( calcolatori ).

Successivamente, circa dieci anni dopo, diventò anche un accessorio dei personal computer IBM e dell'Apple Macintosh.

i primi mouse su un computer Apple Macintosh

Negli anni '80 il mouse era una periferica poco utile per l'utente comune , perché gran parte dei software erano sviluppati con un'interfaccia di input a tastiera.

Nota. Il web non esisteva ancora. La navigazione telematica in internet avveniva tramite la riga comandi. Era l'epoca delle BBS.

Uno dei primi home computer a utilizzare il mouse fu l'Amiga 500 della Commodore nella metà degli anni '80.

il modello di Amiga500 degli anni Ottanta

Questo modello usò per la prima volta un sistema operativo a finestre in cui l'uso del mouse era indispensabile. Fece conoscere il mouse al grande pubblico.

L'uso del mouse divenne un componente fondamentale del PC soltanto a partire dagli anni Novanta con la diffusione dei software e dei sistemi operativi con interfaccia grafica.

In particolar modo con l'arrivo di Microsoft Windows 3.1.

una schermata di esempio dell'interfaccia-utente nel software Microsoft Windows 3.1

E' soltanto con il lancio del sistema operativo Windows che gli utenti usarono con regolarità questa unità periferica del computer.

Dal mouse meccanico al mouse ottico

I primi mouse della storia erano mouse meccanici.

Utilizzavano componenti meccanici per rilevare lo scorrimento del mouse ( pallina, rotelle, ecc. ).

un modello di mouse meccanico degli anni '80-'90 a tre tasti

Erano economici ma avevano l'handicap di rompersi con l'utilizzo a causa dell'usura e della sporcizia.

Inoltre, i mouse meccanici richiedevano l'utilizzo di un tappetino per creare aderenza con la superficie.

Negli anni duemila i mouse meccanici furono sostituiti dai mouse ottici.

La tecnologia ottica rese i mouse molto più precisi e pratici da utilizzare su qualsiasi superficie.




Non hai risolto il tuo problema? Scrivi una domanda